borse · creazioni · feltro

Commistioni

L’idea iniziale era quella di fare una borsa di due colori, scuro sotto e chiaro sopra, di piazzarci un albero e, quindi, di applicare piccoli centrini multicolori.

Quando costruisco una borsa faccio così: prendo la stoffa, la taglio: il corpo (in pezzo unico, se possibile: preferisco evitare le cuciture sul fondo), la tasca posteriore, i due pezzi in cui incastrare la lampo e la tracolla, o i manici. Quindi appiccico le applicazioni, o ricamo quello che devo ricamare, attacco la tasca posteriore e assemblo il tutto.

Di solito un giorno di lavoro (a volte anche meno). In questo caso: 4. Quasi una intera settimana di ferie dall’ufficio andata via a fare centrini che non mi convincevano, per poi passare a fiori dai colori improbabili, alle foglie all’uncinetto, fino a pensare di ricamare anche i fiori e le foglie oltre al tronco (idea rifiutata perché dopo aver ricamato due alberi – sì, ho fatto due borse simili, una a tracolla per me e una da portare a spalla, col doppio manico, da regalare – avevo le dita distrutte, soprattutto a causa della parte scura, grossa e a trama fitta), per arrivare, alla fine, ad applicare delle foglie di feltro.

borsaalbero 01

borsaalbero 02

In fondo l’idea di mescolare un po’ le carte in tavola, i materiali e i generi, stoffa pesante, lino, ricamo, feltro di lana ha dato i suoi frutti, al netto del tempo passato a produrre centrini e fiorellini e foglie all’uncinetto che probabilmente finiranno chissà dove e del nervosismo dovuto all’incapacità di mettere in pratica l’idea che avevo in testa.

Tutto considerato la borsa mi piace molto, mi piacciono il colore del lino, estivo, e il colore fondente del tessuto scuro, mi piacciono anche le sfumature dei verdi del feltro, e adoro l’albero, letteralmente, mi fa impazzire (ma non è originale, l’ho trovato su Pinterest).

borsaalbero 05

borsaalbero 04

Advertisements

4 thoughts on “Commistioni

  1. Io mi sarei accontentata anche della sola borsa bicolor, che è bella di suo con il contrasto tra i tessuti. Il ricamo gli dà quel quid in più e poi sapere che è frutto di lacrime e sangue (delle dita) dona all’oggetto un plus valore! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...