cose serie

Per piacere, l’italiano

Mi capita, spesso purtroppo, di leggere cose che mi fanno drizzare i capelli. Non parlo tanto delle scivolate nei termini dialettali e nei congiuntivi fantozziani dei miei colleghi (gnancora, gnanche, credo che servi, che mi dasse), quanto di utilizzi impropri riscontrati in rete (non solo sui blog, ma anche su testate giornalistiche “serie”).

Quindi chiariamo: affianco e apposto sono verbi! Non si possono usare per indicare vicino a e sistemato per bene, per questo si usano a fianco (due parole staccate) e a posto (due parole staccate).

Annunci

2 thoughts on “Per piacere, l’italiano

  1. Anche il mio cuore sanguina (e le orecchie) quando sento o leggo orrori grammaticali. Un mio antico collega redattore una volta mi disse: “sei nata correttrice di bozze” sottendendo un mio atteggiamento da maestrina scassa-balle, ma è più forte di me e quando nessuno mi vede correggo a penna gli avvisi affissi dentro l’ascensore!!! Prima o poi qualcuno mi picchia…

    1. Io sono abitata da una personalità un po’ distaccata da me, detta “la maestrina”, che mi fa passare da rompiballe, ma quando ci vuole ci vuole.
      Quella degli avvisi in ascensore mi mancava, credo che prenderò ispirazione, quando sono in vena correggo le voci di Wikepedia 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...